triestecultura
triestecultura.it
il portale ufficiale della cultura a Trieste the official website of culture in Trieste

Immaginario Scientifico

Immaginario Scientifico
Magazzino 26, Porto Vecchio di Trieste
34100 Trieste
+39 040 224 424
Il Science Centre Immaginario Scientifico è un museo interattivo e sperimentale, impegnato nella divulgazione e nella didattica della scienza. Dall'ottobre 2020 l’Immaginario Scientifico di Trieste si trova al Magazzino 26 del Porto Vecchio.
Il nuovo Immaginario presenta spazi multimediali, immersivi e coinvolgenti, che si inseriscono armoniosamente nell’edificio che li ospita: il ristrutturato Magazzino 26 è un luogo imponente e prestigioso, con elementi architettonici, ambienti e atmosfere profondamente legati alla storia e alla cultura della città.
Qui trovano spazio apparati interattivi da toccare con mano, per scoprire non solo i fenomeni naturali ma le applicazioni più innovative della scienza e le attività di ricerca degli enti del sistema scientifico di Trieste.
Il museo è articolato in tre sezioni principali: Trieste e la Scienza, dove si illustra in modo partecipativo la ricerca che nasce e si sviluppa negli istituti di eccellenza del territorio; Fenomena, sezione dove trovano spazio gli “exhibit hands-on”, per sperimentare con la scienza di base; Innova, dove si esplorano le tecnologie più avanzate della ricerca applicata.
A queste si affiancano due sezioni speciali: Imaginaire Scientifique, spazio immersivo in cui fare un viaggio nelle più suggestive immagini della scienza, e il Planetario, in cui possono fare affascinanti visite alla volta celeste. Al momento è possibile visitare il primo piano. Presto il museo sarà completato con il secondo piano.
Una partnership per il museo
Il Museo esiste grazie alla fattiva partnership di realtà scientifiche (vedi la sezione Trieste e la Scienza) e di aziende presenti sul territorio, caratterizzate da alti livelli di innovazione: Acegas Aps Amga - Gruppo HERA, Gruppo SIAD, Saipem, Esteco
 e Sissa Medialab. Il museo è stato sviluppato inoltre grazie al sostegno della Fondazione Casali, della Fondazione CRTrieste e della Fondazione Pietro Pittini. Determinante il sostegno della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, del Comune di Trieste e del Ministero dell’Università e della Ricerca.